Archive for Agosto, 2012

Scacchiera

30 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Il centro di tutta la vita
si concentra in se stesso
lo puoi contemplare
- davvero! Non pensare di non esserne capace
o di sentirti inadeguato,
anche se ciò fosse,
sei un Uomo,  non dimenticarlo -
profondo come il Pensiero sovrumano….
Si disegnano gli Scacchi
tanto nobili,
sul suolo che vede cambiare
i quadrati in cerchio,
ogni passo nero o bianco che sia
reclama il suo vincitore
e il [...]

Arrivederci

29 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Indistinti passi
di te nella notte
sento arrivare
e il giorno ti viene incontro
- si è fatto vaccinare,
il malcapitato -
ora serio
desta tutta la gioia
di cui è  capace
la guarigione.

Alessandra Vettori

Madonna dipinta da Tommaso da Modena

Cari lettori, prima di riprendere i nostri discorsi poetico-narrativi, ecco le ultime considerazioni dell’amico Eugen Galasso…

26 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Omicidio im-perfetto:     “Vede, in questa pièce, Lei è un assassino. Deve concentrarsi sul se, su un’ipotesi di lavoro accettata in pieno, in cui deve uccidere chi le impedisce di rubare il malloppo e poi di piazzarlo. Pensi a tutto questo, a come si svolgeranno i fatti, al punto di partenza, però, anche. Tutto prende spunto [...]

… ancora testi di Eugen Galasso…

25 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Non più destra o sinistra, per Giove/Vaso Pandora diffranto/Più”social”Storace di Ferrero/Ferrara rappava per Monti/D’Alema garante del nulla

(Eugen Galasso, 08.06.2012)

UN cauchemar?:        Sarà stato un esame di passaggio nell’ambito della carriera accademica(era incardinato)oppure una convocazione straordinaria (non aveva ricevuto nulla in merito, non era stato informato)per un processo? Certo è che la sala era spoglia, polverosa, che [...]

Cari lettori, qualche riflessione estiva - e anche altro - dell’amico Eugen Galasso

23 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Mie magre e scarse ginocchia toccavano quelle forti e muscolose di Hammed. Aveva promesso di risparmiarmi il passaggio a piedi nella sopraelevata. Prendendomi in braccio, mi aveva”trasbordato”di là, facendomi sentire la dolce forza di un vero tecnico navale, almeno così credo. L’avevo rivisto, certo, ma…anni dopo, nessuna risposta, nessuna sua nuova.   E io che non [...]

Demetrius

22 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Avevate pensato ad un Usurpatore?
Schiller l’aveva intuito,
ma l’hanno
avvelenato senza scrupolo alcuno;
lui non si oppose,
ormai vecchio e stanco,
narriamo amici
le sue gesta antiche,
illuminate di poesia.
il Sole ti soccorrerà,
i raggi che ti ha donato
risplenderanno sazi
di Verità,
ebbri di Amore,
felici di aver raggiunto
la Sana Conoscenza
che ti libera dai gioghi
della storia di ogni anima
che ha avvolto il tuo Spirito:
Eterno, immortale, significativo,
preesistente [...]

E’ soave il tuo volto

17 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

E’ soave il tuo volto
ultimamente
me ne son resa conto
per il tuo amore
per i verbi immaginati
mentre meno rilievo sembri dare
ai sostantivi.
Certo l’imperativo tu non lo sopporti,
vai a spasso con il gerundio
scherzi con il condizionale
rispetti il congiuntivo,
perché sai che ne vado matta.
Sei pensato dall’Angelo Custode
e sei grato alla Natura
che a lui ti ha affidato
- tramite ciò che [...]

Ostacoli Inauditi

16 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Ohibò, vorrei sapere
per quale ragione
ti ostini
nel tentativo matto e un po’ malvagio
di mettere in imbarazzo
- sei davvero scortese -
Due Innamorati in uno.
Eppure Goethe è stato chiaro  con te:
nella foglia primordiale del
Gingo Biloba
ha visto l’Idea
della Coppia Originaria.
Sei davvero pericoloso
e tutti ti chiamano
gran mago;
sull’Amore dei Due
che si fa sacro
tu non puoi nulla,
la Forza delle Forze,
lo protegge.
Mi sembra [...]

Assunzione

15 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Quant’è difficile osare e tacere !
Amare e non amare,
piangere e non piangere,
ridere e non ridere,
sentire e non sentire.
E’ la potenza della compassione
nella quale credo
possiamo unirci in preghiera.
Sulle ali dell’anima,
la voce melodiosa
sugge il miele odoroso
dei fiori
e li fortifica.
L’ultimo lembo di una soffice nuvola,
simile a una veste divina,
si perde lontano… lontano….

Alessandra Vettori

Aspettavamo il nostro tempo

14 Agosto 2012 by Alessandra Vettori

Aspettavamo il nostro tempo,
il giorno in cui tornare sulla Terra.
Per darci appuntamento
sognammo una data,
durante la quale incontrarci “per caso”,
ma sapevamo che il Caso non esiste,
il Destino lo avevamo meditato
con forze profonde.
Così, aspettavamo il giungere
di un anelito di ricongiunzione
da parte nostra,
la nostra coppia
avrebbe dovuto trascorrere
una vita presente
di avversità, dolori,
gioie, meraviglie,
fatti nei quali
trovare i soffi vitali
delle occasioni
del [...]